Crea sito

Una telefonata da un’altra dimensione

Una telefonata da un’altra dimensione, realtà o suggestione? Si avete letto bene, da un’altra dimensione anche perchè non lo spiego diversamente, ci ho pensato e ripensato, ho indagato ma è l’unica soluzione possibile, è logica pura alla luce dei fatti. Mi sono chiesta fenomeni del genere possono veramente esistere? Se me lo avessero chiesto solo un mese fa avrei detto …no assolutamente …ma come al solito bisogna provare per poi credere… Ma veniamo ai fatti…circa un mese fa, non ricordo bene la data, il telefono in casa mia ha cominciato a squillare in modo strano, voi direte ma i telefoni squillano tutti in modo eguale…e invece no. Vi capita mai, di avere la sensazione, quando ascoltate la suoneria del telefono, che squilli in modo insistente e che vi trasmetta la sensazione che sia una telefonata importante? Ebbene può succedere…di provare una cosa del genere…se si è un po’ empatici… Le prime telefonate strane sono avvenute di giorno, io rispondo e dall’altra parte…solo un rumore strano…un ronzio metallico che arriva da chissà dove, ho pensato ai soliti call center che fanno scherzi. La cosa si è ripetuta per qualche giorno e io mi sono rassegnata ed ad un certo punto non ho più dato importanza alla cosa. Ma poi le telefonate si sono trasferite anche alla notte…verso le due o le tre del mattino per un paio di notti il telefono ha squillato stessa modalità…stesso ronzio metallico e nessuno che risponde. In piena notte non è il massimo della vita ricevere telefonate…anche perchè si pensa sempre che sia successo qualcosa di brutto. Finalmente anche le telefonate notturne finiscono. Sembra tornata la pace in casa e le telefonate strane con mio sollievo non si ripetono più. Un giorno ricevo una chiamata e rispondendo con mia sorpresa è la sorella di mia madre che abita in Inghilterra, molto anziana, e che non sentivo da parecchio tempo, che mi contatta. Una telefonata graditissima…anche perchè avendo perso il suo numero di telefono era da molto che non la sentivo, mi dice che si è decisa a contattarmi perchè le avevano detto che io stavo male ed era preoccupata per me. Io la rassicuro che sia io che la mia...

Read More

Quando nasce la vita?

Quando nasce la vita?  Questo racconto parte da una esperienza strettamente personale che ritengo e penso possa essere condivisa da molte donne. Voglio cercare di spiegare il mio pensiero personale, su quando comincia la vita nell’uomo e quando è il momento che si acquisisce coscienza di noi. Ma la vera domanda è anche un’altra……….quando succede che la vita entra veramente nel corpo? Una domanda affascinante che molti si saranno già posti. Io sono molto scettica circa quello che dice la religione e tutte le teorie che ci girano intorno. Ma come donna e mamma alcune cose le so e le sento e vorrei spiegarle partendo da una scoperta scientifica avvenuta in questi giorni che ha suscitato il mio interesse e mi ha molto impressionato, confermando alcune mie convinzioni. Un team di ricercatori della North Western University di Chicago, durante una ricerca sul concepimento ha fotografato una situazione incredibile, esattamente nel momento in cui lo spermatozoo e l’ovulo si uniscono, vengono rilasciati dei lampi di luce. Il flash luminoso si verifica perché, quando lo spermatozoo entra nell’uovo, si innesca una reazione tra il calcio e lo zinco che l’uovo stesso rilascia. Quando lo zinco viene ‘spruzzato’ fuori, si lega a piccole molecole emettendo una fluorescenza che può essere registrata dalla fotocamera. Una bellissima scoperta, anche molto importante, perchè secondo me suscita molte domande …si tratta solo di un fatto puramente scientifico…oppure c’è qualche implicazione in più? Quando aspettavo il mio primo bambino avevo avvertito un cambiamento importante dal primo istante, come se qualcosa di fantastico fosse successo e non ci misi molto a capire che c’era una nuova vita in arrivo. E’ mia opinione che fin dal primo momento del concepimento il bambino è cosciente e capisce tutto quello che succede intorno a lui. Che vogliamo o no è cosi, e ripeto questa è il mio personalissimo pensiero. Sfortunatamente poi la gravidanza spontaneamente si fermò, i medici mi dissero che purtroppo quando succede una cosa del genere, è perchè c’è qualche malformazione nel feto e la natura fa il suo corso eliminandolo. Ma vi assicuro che in seguito questo bambino mai nato mi è venuto a trovare in sogno, era una bambina bellissima, e capita spesso...

Read More

I nostri cari

I nostri cari Sono sempre stato combattuto, nel mio cuore, tra quello che il dogma mi insegna, e quello che in realtà vivo tutti i giorni, sempre ho sostenuto che il mondo degli spiriti, o aldilà, come si preferisce chiamarlo, abbia un legame con la vita terrena, un legame che va gestito naturalmente con tutte le precauzioni e le conoscenze del merito, spiriti demoni e quant’altro per quanto possano essere distanti e conosciuti da noi meritano rispetto e devono essere trattati per quello che sono, sempre ho consigliato il distacco a tutti, il discernimento, perché è un argomento che ti prende, un mondo che ti cattura e se cadi nelle spire dello spiritismo, e non sai tirartici fuori, a volte è anche una droga….e fa le sue vittime…. Ho sempre consigliato cautela, a chi, a fin di bene, crede di poter interagire con i defunti, perché in fondo non possiamo mai avere la certezza di chi sentiamo vicino, e, da studioso di fenomenologie paranormali, tendo sempre a credere che difficilmente veniamo aiutati dai nostri cari piuttosto che da angeli, in quanto i nostri cari non sono anime pure, o almeno non lo sappiamo, e durante le mie esperienze, ho appreso che solo la Fonte di Vita, Dio, può scegliere determinate cose, almeno è questo che la maggior parte di spiriti mi ha detto, quindi effettivamente  il discorso dentro me è sempre stato in costante ricerca di capire cosa sia effettivamente giusto, se pensare che i nostri cari sono vicino a noi e si manifestano, o se, come ci è stato insegnato, ci aspettano di là ma sono lontani da noi…. Ebbene vorrei raccontarvi che cosa mi è successo di recente, penso che un tassello sia stato messo, ed una risposta a questo dubbio sia comunque arrivata perché due settimane fa, sono uscito di casa alle ore 05:15, per recarmi al lavoro, ed avevo circa sei –sette minuti di strada a piedi da fare per arrivare all’automobile, e come la maggior parte delle famiglie oggi, la mia non sta attraversando un buon periodo, si fatica, si annaspa per cercare di dare ai figli il meglio, in particolare la mia famiglia sta vivendo un momento economicamente...

Read More

Una storia vera

Una storia vera Passarono gli anni e la vita della ragazza procedeva come tutte quelle delle sue coetanee, tra scuola, amici, studio e amori vari. Ma la vita è strana e prima o poi ti presenta il conto … e cominciano a succedere cose che mai e poi mai lei si sarebbe aspettata succedessero… proprio a lei poi… cose a cui dare o trovare una spiegazione sarebbe stato assurdo. Nel frattempo si era sposata ed aveva comprato la sua prima casa. Un carinissimo bilocale in un condominio di sei piani proprio affianco alla Chiesa e al Campanile. Le campane quando suonavano era come averle in casa, ma in quella casa qualcosa non tornava … fin dalla prima volta che era entrata a visitarla, la cosa che più la colpi era il senso di gelo che aleggiava, come se entrasse in un frigorifero… provò a parlarne, ma naturalmente le diedero della pazza. Comincio ad avvertire anche una presenza che la osservava e la seguiva, sentiva dei passi ma naturalmente li sentiva solo lei e non riusciva a fare capire agli altri che cosa stava succedendo. Di fatto non vedeva nulla, erano solo sensazioni, stava impazzendo? Eppure il suo istinto non sbagliava, le diceva che qualcosa c’era… ma la paura era troppa. Le cose cominciarono a complicarsi nel mese di Maggio, mese dedicato alla Madonna. Cominciò ad accorgersi che ogni volta che passava di fronte ad una Chiesa, una forza estranea la spingeva via non la faceva entrare e se insisteva nel voler entrare provava una repulsione per il sacro. Cominciò ad accorgersi anche, che ogni volta che passava di fronte all’immagine sacra della Madonna, una voce nella sua mente la insultava e le inveiva contro e si agitava. Era come se in lei ci fosse un’altra persona che volesse prendere il sopravvento. D’improvviso si rese conto di questa situazione e che le cose non andavano, ma non riusciva a capire da dove arrivava quella voce, e di chi era e che cosa volesse da lei. Che cosa poteva fare? Parlarne? Ma con chi? Come poteva essere possibile una cosa simile? Pazzia? Autosuggestione? Eppure la voce era sempre lì, ben chiara nel suo cervello, lei la sentiva, ma...

Read More

Trasmoz, il villaggio maledetto due volte

Trasmoz, il villaggio maledetto due volte A Trasmoz (Spagna), esiste un piccolo villaggio che ospita anagraficamente appena 35/70 abitanti ma la sua fama non sta nelle sue ridotte dimensioni o dalla poca popolazione che vi risiede, la sua fama è quella di essere un villaggio maledetto per ben due volte, in particolare nel 1252 con un decreto papale, il villaggio fu scomunicato per la prima volta da Papa Innocenzo IV°, nel 1511 invece, su richiesta dell’Abate del monastero di “Veruela”, Papa Giulio II° autorizzò il lancio di una maledizione contro il villaggio di Trasmoz e tutti i 108 frati che vivevano nel convento di Veruela iniziarono a recitare a voce alta le terribili frasi del salmo 108 del libro dei salmi, nello specifico stiamo parlando del seguente passo;   “(Vadano raminghi i suoi figli, mendicando, siano espulsi dalle loro case in rovina. Nessuno gli usi misericordia, nessuno abbia pietà dei suoi orfani. La sua discendenza sia votata allo sterminio)”. Giustamente ci chiederemmo il perché per ben due volte c’è stato un intervento papale per punire le genti che abitavano quel villaggio, ebbene secondo le cronache dell’epoca, si dice che nel villaggio di Trasmoz venivano praticati dei riti satanici ed in particolare nel locale castello venivano svolte delle orge sataniche, blasfemia oltre che dei raduni di streghe, le stesse cronache raccontano che in questi raduni era presente anche il demonio. Vivranno anche in un luogo maledetto, ma gli abitanti di Trasmoz sono ben lieti di viverci poiché la cittadina ha fatto della sua nomea il suo punto di forza sotto l’aspetto economico anche perché la leggenda dei riti blasfemi che si porta dietro da parecchi secoli, ha attirato un flusso turistico che è in continuo aumento facendo di fatto la fortuna dei pochi abitanti del luogo. D’altronde anche se sono passati parecchi secoli, la santa sede non si è mai attivata affinché la maledizione fosse annullata poiché un decreto papale può essere annullato soltanto da un altro Papa, ma è inutile dire che gli abitanti sono contrari ad un eventuale decreto papale che annulli la maledizione e la scomunica che incombe sull’abitato, scherzando dicono …siamo consapevoli che, per noi le porte del Paradiso saranno sempre chiuse. Ogni...

Read More

Liberati dalle acque

Liberati dalle acque I segreti nascosti del Mar nero e del lago del diavolo Andando a visitare il museo Topkapi di Istanbul (Turchia), sicuramente vi capiterà di sentire delle storie riguardanti la crudeltà dei sultani che avevano nei confronti del popolo che era sotto il loro dominio nel periodo dell’impero ottomano. L’attuale museo Topkapi, nel periodo Ottomano era il palazzo reale dei sultani turchi, la sua costruzione è posizionata su un’alta rupe che si affaccia a precipizio direttamente sul Bosforo. Anticamente, le leggi ottomane, permettevano ai sultani di avere il potere di vita e di morte sulla popolazione che era sotto il loro dominio, a volte bastava poco per scatenare la loro ira, infatti, anche solo a contraddire la decisione del Sultano, si veniva subito arrestati e successivamente condannati ad una morte terribile. In una storia in particolare si narra che una punizione terribile era destinata alle concubine del Sultano “Abdul il Dannato”, infatti, se queste fossero state infedeli oppure impertinenti nei suoi confronti, il loro destino era ormai segnato, e la pena che veniva inflitta a quelle povere donne, era orribile, poiché la loro condanna consisteva nel chiuderle vive in un sacco, in seguito attorno al sacco venivano legate delle pesanti pietre, infine i sacchi venivano cuciti e buttati in mare attraverso uno scivolo che esisteva su un lato del palazzo che si affacciava direttamente nelle fredde acque delle acque della Marmara (Bosforo). Il rinvenimento dei corpi di queste sventurate ragazze avvenne quasi per caso un centinaio di anni dopo quando alcuni palombari s’immersero nelle profondità delle acque sottostanti del palazzo imperiale per eseguire dei lavori, essi infatti, furono immediatamente incuriositi dalla presenza di quei sacchi sul fondo marino che rimanevano ritti sul fondo del mare e che ondulavano come se fossero delle fronde di alberi quando vengono mosse dal vento. All’inizio non sapendo di cosa si trattasse di preciso…Fu deciso di portarli in superficie e furono tutti recuperati, quando furono aperti emersero dopo tanti anni i resti di quelle povere sventurate e solo allora si scoprii che tutte le leggende che venivano narrate riguardo alla ferocia di quel sultano, si rivelavano essere vere. Un altro macabro rinvenimento avvenne in Cecoslovacchia nel lontano...

Read More

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi

MYSTERY RANGERS, non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità,pertanto non può essere considerato un prodotto editoriale ai sensi della Legge n° 62/2001. Alcune immagini sono tratte dalla libera navigazione su Internet: qualora la loro pubblicazione violi eventuali diritti d'autore, vogliate comunicarlo e saranno subito rimosse